Firenze 2 – 9 Novembre 2019

Festival Internazionale del film documentario

Account log-in

VRMF - Virtual Reality Movie Festival

L'arte di raccontare storie è parte integrante dell'esperienza umana, un mezzo che connette il pensiero alla realtà. Vi siete mai chiesti come le nuove tecnologie stiano cambiando e rinnovando il modo nostro modo di narrare?


Scopritelo al VRMF - Virtual Reality Movie Festival che si terrà a Modena dal 24 al 29 maggio 2019.


Il Laboratorio Aperto di Modena si trasforma in uno spazio dedicato allo storytelling in realtà virtuale e aumentata. Esplorare mondi reali o immaginari, riflettere su temi di attualità, vivere una storia a 360°, attraverso brevi opere cinematografiche provenienti da tutto il mondo. Quali orizzonti e quali opportunità si aprono con il VR per il racconto del reale? Quante storie possiamo raccontare e quante esperienze possiamo vivere?


Immaginate di poter entrare in un film, in un'immagine, in un dipinto o addirittura in un suono, di scegliere verso quale orizzonte dirigere lo sguardo o su quale dettaglio soffermarsi. La potenza della #VirtualReality non risiede solo nella sua matrice tecnologica, ma ha a che fare con qualcosa che ci tocca più da vicino, qualcosa che chiamiamo "esperienza della realtà".


La selezione delle opere del VRMF - Virtual Reality Movie Festival renderà partecipi gli spettatori di scelte e momenti, di sensazioni e situazioni in modo del tutto immersivo.


Durante il festival sarà inoltre possibile partecipare a momenti di riflessione e talk tematici che permetteranno agli spettatori di scoprire tutte le potenzialità della realtà virtuale.


Il programma completo nei prossimi giorni sul sito del Laboratorio Urbano Aperto di Modena.


PROGRAMMA


Venerdì 24 maggio


17:00-18:00 - La realtà virtuale e le nuove modalità di apprendimento


Interviene il Dott. Luigi Clivati (EON Reality Italia)


EON Reality è un’azienda californiana, leader mondiale nello sviluppo di piattaforme digitali AVR per il mondo delle imprese e dell’istruzione. Specializzata nella creazione di strumenti e tecnologie di realtà virtuale aumentata e 3D, conta 21 sedi sparse su in tutto il mondo, dalla Cina alla Francia, dagli Emirati Arabi alla Svezia.


Sabato 25 maggio


11:30-12:30 - Incontro con Tiziana Guerrisi (New Next media)


Tiziana Guerrisi è una giornalista freelance. Socia dell’associazione indipendente di giornalisti Lettera22, ha collaborato per anni con Il Manifesto occupandosi di esteri e diritti umani. Nel 2011, insieme ai giornalisti Andrea Battistuzzi e Federico Formica e al fotografo Pietro Snider, ha fondato la società di servizi giornalistici e contenuti multimediali Next New Media che, insieme all’Associazione Antigone, ha realizzato nell’autunno del 2012 Inside Carceri, il primo webdocumentario-inchiesta sulle prigioni italiane. Ha lavorato per "La Repubblica", "Il Messaggero", "Diario della Settimana", "LaPresse" e Radio Popolare Roma.


16:00-17:00 - Incontro con Omar Rashid (Regista del documentario in realtà virtuale Drumpossible)


Omar Rashid nasce in Iraq, la sua famiglia si trasferisce in Italia quando lui ha appena quattro mesi. Al termine degli studi, culminati nel 2002 con il diploma di Laurea presso il Polimoda di Firenze, inizia il suo percorso nel mondo della moda grazie a uno stage presso la sede centrale di Givenchy a Parigi. Da sempre affascinato dai graffiti e dalla controcultura giovanile, richiede poi e ottiene una posizione come assistente stilista presso la sede centrale di Zoo York, a New York. Durante il soggiorno newyorkese ha però accumulato il know how necessario per provare a portare un pezzo di New York a Firenze, e così, una volta rientrato in Italia, apre GOLD, progetto che origina da un’attenta fusione tra old school e new school, e che intende promuovere l’affermazione della street culture nel panorama fiorentino.


Domenica 26 maggio


15:00-16:00 - Le nuove tecnologie incontrano il teatro


Intervengono: Magda Siti (Direttrice artistica, Associazione Artisti Drama), Giacomo Pedini (Dramaturg, Emilia Romagna Teatro Fondazione),


Magda Siti è direttrice artistica dell’Associazione Artisti Drama dove svolge un’intensa attività conducendo laboratori teatrali per adulti e ragazzi, corsi di formazione per insegnanti, letture ed interventi nelle scuole e biblioteche. Conduttrice di diversi progetti in collaborazione con Enti locali, Cooperative e scuole di Modena e provincia; dal 2013 è direttrice artistica della rassegna La corsa di fuochi curata da Artisti Drama, inserita nel progetto Andante, sostenuto da Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Comune di Modena e Regione. Dal 2001 al 2005 è docente nei corsi di formazione per attori di Emilia-Romagna Teatro Fondazione.


Giacomo Pedini, è autore di saggi che, attraverso la presa in esame di alcuni casi di studio di età moderna e contemporanea, affrontano il problema delle relazioni tra il linguaggio della scena e quello letterario, con al contempo alcune aperture di sguardo sul fronte del rapporto tra teatro e didattica così come tra teatro e politica. Alle analisi storico teatrali e storico letterarie ha costantemente affiancato la pratica scenica. Dal 2007 collabora stabilmente, in qualità di assistente alla regia prima e di regista assistente poi, con il Chiar.mo Prof. Claudio Longhi. Ha così lavorato presso alcuni dei maggiori enti di teatro di prosa italiani, tra cui il Teatro Stabile di Torino, il Teatro di Roma, l’Istituto Nazionale del Dramma Antico, Emilia Romagna Teatro Fondazione e il Teatro della Toscana. Dal 2012 oltre all’attività di assistenza alla regia ha intrapreso il coordinamento artistico e drammaturgico di progetti di teatro partecipato e di formazione teatrale. Attualmente svolge l’attività di Dramaturg presso Emilia Romagna Teatro Fondazione e presso l’Università di Bologna tiene gli insegnamenti di Drammaturgia dello spazio scenico e di Istituzioni di regia.


16:00-17:00 - Gamification+ VR + AI= ENJOY


Come rendere divertente un’attività ripetitiva, necessaria per allenare l’intelligenza artificiale sfruttando un videogioco in realtà virtuale


Intervengono Matteo Boschini (IT Developer) e Pietro Monari (Fisico Energy Way).


Energy Way è una società di Data Science che offre modelli matematici innovativi al servizio dell’efficienza e della sostenibilità delle imprese. I suoi strumenti di analisi trasformano i numeri in conoscenza per fornire al management soluzioni efficienti, ottimizzando le risorse disponibili a vantaggio delle persone, delle organizzazioni e del pianeta. Il metodo innovativo sviluppato da Energy Way consiste nello studio delle correlazioni deboli che concorrono a descrivere un processo, al fine di offrire agli operatori una nuova conoscenza utile ad innovare e rendere più efficiente il processo stesso. Tale metodo è applicato ad aziende dei più svariati settori, fra cui: energia e ambiente, industria e manifattura, strategie e mapping decisionale.


27-28-29 Maggio 2019


L’accesso alle proiezioni in queste giornate sarà riservato alle scuole. Per prenotare o per avere maggiori informazioni, scrivi a info@luamodena.it.


Per maggiori informazioni sul programma e gli eventi del festival visita il sito del Laboratorio Aperto di Modena


guarda tutte le news