Firenze 25 novembre – 2 dicembre 2016

Festival Internazionale del film documentario

Account log-in

  • #1 "THE INVENTION OF REALITY"
    Workshop by Sergio Oksman


    Nel corso del workshop, Sergio Oksman affronterà il suo metodo di scrittura della realtà: dall'idea iniziale fino al montaggio finale il documentarista giustappone "pezzi di Reale" nell’intento di scrivere quello che sarebbe potuto succedere, o arrischiandosi ad inventare ciò che potrebbe accadere di fronte alla videocamera. Così facendo personaggi reali, fantasmi e ombre coesistono in un cammino con molteplici biforcazioni. Il documentarista, attraverso il processo irregolare dello scrivere e del cancellare, si insinua nell'intercapedine tra finzione e realtà, tra controllo e caso, in un gioco pericoloso di cui non si conoscono gli esiti.

    L'AUTORE
    Sergio Oksman (San Paolo, Brasile, 1970). Studia Giornalismo in Brasile e Cinema a New York. Dopo un periodo di apprendistato in Brasile, durante il quale realizza alcuni documentari televisivi, si trasferisce in Spagna, dove lavora per la televisione, realizzando documentari e reportage. Alla fine degli anni Novanta realizza una serie TV di 22 ritratti di famosi calciatori – "El partido del siglo" (1999) – e una serie di documentari girati sia in Spagna che in Brasile, tra i quali Gaudì en la favela (2002) e Gilberto Gil. Un ministro en directo (2006). Nel 2000 fonda la sua casa di produzione, la Dok Films.

    È soprattutto a partire da La Esteticién (2005) e Goodbye, America (2006) che inizia un percorso di esplorazione della forma documentaria come luogo di sperimentazione cinematografica. L’uso del reale come materia per la costruzione di narrazioni sospese tra finzione e realtà è alla base di opere come Notes on The Other (2009) e A Story for the Modlins (2012), vincitore dei Premi: Miglior Cortometraggio al 53° Festival dei Popoli, Miglior Documentario al Karlovy Vary International Film Festival e Premio Goya 2013 per la categoria documentari; e soprattutto O futebol (2015) Premio come Miglior Lungometraggio al 56° Festival dei Popoli. Oksman insegna Cinema Documentario presso la ECAM – Escuela de Cine y Audiovisual de la Comunidad de Madrid.

    Il 57° Festival dei Popoli è lieto di annunciare la sezione I MESTIERI DEL CINEMA: OMAGGIO A SERGIO OKSMAN.

    ISCRIZIONI
    Il workshop si terrà Lunedì 28 Novembre, dalle 10:00 alle 13:00 Durata: 3h (circa)

    Lingua: Inglese

    Iscrizioni a numero limitato

    Quota di iscrizione: € 50,00
    Riduzione per i possessori di accredito del Festival dei Popoli: € 45,00

    Invia la tua richiesta (specificando il titolo del workshop) e il tuo CV a: workshop@festivaldeipopoli.org

  • #2 "FILMING SENSATIONS"
    Workshop by Danielle Arbid


    "Voglio essere vicina ai miei personaggi nella finzione così come nel documentario. Voglio vivere vite parallele, non soltanto raccontare storie, ma provare degli stati d'animo, delle sensazioni forti.

    I miei film di finzione - così come li percepisco, - sono dei documentari sui miei personaggi. Faccio molto uso di primi piani e focali lunghe per introdurmi nell'universo che creo, dimenticare, per quanto possibile, la realtà delle riprese e carpirne i momenti.

    Ho filmato molto il sesso e penso che questa sia una mia prerogativa, di donna e di origine araba. Provo ad avvicinarmi alla pittura nella rappresentazione dei corpi. La grazia che ne emerge! Cerco sempre di abbellire, magnificare gli attori. Naturalmente, vi è una parte di spettacolo quando si fa un film, ma la cosa più straordinaria nel cinema rimane la parte del rischio. Non si sa mai che risultato si avrà alla fine. Venendo da una famiglia di giocatori d'azzardo - mio padre era un giocatore di poker - amo molto questo aspetto. Quando faccio un film non do niente per scontato. Filmare scene di sesso è ancora più rischioso, persino in Europa per certi versi. E nella mia cultura d'origine, quella libanese, dove quasi tutti i miei film sono censurati o vietati, è ancora peggio.

    Nonostante ciò, esigo incessantemente che ogni film sia quanto più possibile ardente, nella sostanza, nella forma, così come nella maniera in cui viene realizzato". (D. Arbid)



    L'AUTRICE
    Nata a Beirut nel 1970, Danielle Arbid ha lasciato il Libano a 17 anni per studiare Letteratura alla Sorbonne e Giornalismo al Centre de Formation des Journalistes di Parigi e Bruxelles. Nel 1996 scrive Scénario sensual et pervers, progetto interattivo per il sito d'arte contemporanea Icono et Cie. Nel 1997, dopo cinque anni di lavoro come giornalista per la stampa francese, scrive e dirige il suo primo cortometraggio a soggetto, Raddem (1998). Nel 2000 inizia la carriera di documentarista con il mediometraggio Seule avec la guerre, presentato in molti festival internazionali tra i quali Locarno, Hot Docs, Viennale, che ottiene una Menzione Speciale della giuria al 41° Festival dei Popoli.
    Nel 2002 dirige la video installazione Conversation de salon 1 per il MAK di Vienna. Negli anni successivi il progetto si sviluppa in una serie ad episodi, fino alla produzione del settimo, rimasto inedito.
    Nel 2005 registra per Radio France Culture il documentario sonoro This Smell of Sex. Tre anni più tardi, a partire dagli stessi materiali sonori, utilizzando come immagini un super 8 trovato al mercato delle pulci, realizza un documentario dallo stesso titolo.
    Tra il 1998 e il 2015 dirige quattordici tra corti, medi e lungometraggi, film presentati e premiati nei maggiori festival intenazionali, ma il suo lavoro comprende anche esposizioni fotografiche e videoclip.
    Danielle Arbid ha partecipato all'organizzazione del Born in Beirut Film Festival, incentrato sul cinema in pellicola, selezionando film in Super 8 di giovani filmmaker e recuperando film d’archivio.

    Il 57° Festival dei Popoli è lieto di annunciare la sezione DANS LE CHAMPS DE BATAILLE: TUTTO IL CINEMA DI DANIELLE ARBID.

    ISCRIZIONI
    Il workshop si terrà Venerdì 2 Dicembre, dalle 14:30 alle 17:30 Durata: 3h (circa)

    Lingua: Inglese

    Iscrizioni a numero limitato

    Quota di iscrizione: € 50,00
    Riduzione per i possessori di accredito del Festival dei Popoli: € 45,00

    Invia la tua richiesta (specificando il titolo del workshop) e il tuo CV a: workshop@festivaldeipopoli.org



  • #3 "Interactive Documentary - Pratiche digitali per il racconto del reale"
    Seminario di Roberto Malfagia


    Seminario a cura di Roberto Malfagia
    Il settore emergente dell’Interactive Documentary è una tra le più vivaci e interessanti evoluzioni che il racconto della realtà attraverso il cinema sta compiendo. Ma per capire di cosa stiamo parlando è necessario definire cosa è un documentario interattivo e analizzare similitudini e differenze con il documentario lineare. Il documentario interattivo non va inteso come trasposizione delle dinamiche proprie del documentario lineare sulle piattaforme digitali, ma come un altro modo di negoziare con il reale e raccontarlo. Un nuovo media a tutti gli effetti che, attraverso le modalità di interazione digitale, si apre a forme di racconto partecipative, co-creative ed esperienziali. 
    In occasione dell'incontro, verrà presentato in anteprima Demal Teniew, di Roberto Malfagia, documentario interattivo sull'immigrazione di ritorno Italia/Senegal.

    Roberto Malfagia
    Diplomato nel 2004 al Master in tecniche narrative presso la Scuola Holden di Torino, ha insegnato scrittura creativa e sceneggiatura di cortometraggi per scuola Holden. Ha collaborato con Holden Art per progetti sulla narrazione dei beni culturali e fatto parte del progetto di ricerca “Nuovi linguaggi museali” per Fondazione Intesa – San Paolo.
    Ha scritto e co-diretto il documentario Il Popolo Alto, ha scritto e curato la regia del Interactive Documentary MolecolaIF e  What IF, entrambi per Internet Festival di Pisa.
    Ha collaborato con L’Università degli studi di Parma e Università degli studi di Ferrara per seminari di narrazione.
    È stato collaboratore di redazione per case editrici tradizionali (Giunti) e per case editrici multimediali (Scala Group, E-ducation.it) dove si è occupato di e-learning.
    È stato consulente di Visual Storytelling e Narrative Design per Tele Estense (Ferrara), Omnicom Media Group, INDIRE (Istituto Nazionale Documentazione Innovazione Ricerca Educativa).
    Fondatore de "La Jetée - Scuola di Visual Storytelling", attualmente è didatta, regista di Interactive Documentary e consulente in Narrative Design per prodotti di Digital Storytelling.

    INFORMAZIONI
    Il seminario si terrà Martedì 29 novembre, dalle 15:00 alle 17:00 Durata: 3h (circa) presso la sala MyMovies al Cinema La Compagnia, Via Cavour - Firenze
    Lingua: italiano

    Accesso riservato ai possessori di accredito professionale del Festival dei Popoli
    per informazioni: workshop@festivaldeipopoli.org

  • #4 "Realtà Virtuale, La Nuova Frontiera del Documentario?"
    Seminario a cura di Radical Plans


    Il team della società fiorentina Radical Plans, tra le prime in Italia a produrre contenuti VR, tra cui No Borders, primo film italiano in VR - vincitore del Premio MigrArti alla 73esima Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia e in programma al 57esimo Festival dei Popoli - racconta i pregi, le peculiarità e le sfide artistiche e tecniche della produzione di un documentario in realtà virtuale.

    Oltre a una discussione aperta con il pubblico, l'incontro includerà alcune dimostrazioni dei processi di produzione e post-produzione necessari per la creazione di un contenuto video in VR.

    Relatori:
    Haider Rashid, Regista e Produttore presso Radical Plans (Firenze)
    Daniele Bernabei, VFX Supervisor presso Radical Plans (Firenze) & VFX Research Engineer presso The Foundry (Londra)
    Aleksandra Jeglińska - Produttore - Radical Plans (Firenze)

    INFORMAZIONI
    Il seminario si terrà Mercoledì 30 novembre, dalle 15:00 alle 18:00 Durata: 3h (circa) presso la sala MyMovies al Cinema La Compagnia, Via Cavour - Firenze
    Lingua: italiano

    Accesso riservato ai possessori di accredito professionale del Festival dei Popoli
    per informazioni: workshop@festivaldeipopoli.org

  • #5 “IO FACCIO FILM - Chi ama il cinema, non lo tradisce”
    Campagna promossa da ANICA, FAPAV, MPA e UNIVIDEO


    “IO FACCIO FILM” nasce per sostenere e valorizzare i professionisti e gli appassionati di cinema, dando voce e spazio ai protagonisti che rendono possibile la magia della settima arte. Professionisti e maestranze meno note al grande pubblico ma il cui apporto alla realizzazione di un film è fondamentale. Ne parleremo assieme ai rappresentanti delle associazioni promotrici e professionisti del settore.

    Intervengono:
    Chiara Fortuna, Direzione Generale Cinema Mibact
    Federico Bagnoli Rossi, Segreteria Generale FAPAV
    Bruno Zambardino, docente di economia e organizzazione del cinema e della Tv (Università La Sapienza)
    Giorgio Greppi, Autorità per le garanzie nelle comunicazioni
    Leonardo Massimo Brogelli, Avvocato e collaboratore Sen. Rosa Maria Di Giorgi
    Gianluca Guzzo, Fondatore MyMovies.it
    Marco Spagnoli, Regista, giornalista e critico cinematografico
    Angelo Poggi, Co-fondatore Makinarium
    Arianna Chiappara, Parruccaia presso Rocchetti&Roccetti
    Simone Giorgi, Product Manager Universal Pictures Italia

    INFORMAZIONI
    Il panel si terrà Lunedi 28 novembre dalle 15.00 alle 16.30 presso la sala MyMovies al Cinema La Compagnia, Via Cavour - Firenze
    Lingua: italiano

    Accesso libero

  • #6 Presentazione del “Toscana Film Network”


    Toscana Film Network nasce nel 2015 dall’esigenza di incontro e confronto maturata da alcune realtà imprenditoriali toscane operative nel settore cinematografico e dell’audiovisivo. Centrale era verificare e realizzare quanta energia e professionalità fosse presente sul territorio in grado di stimolare con determinazione il miglioramento dell’infrastruttura della produzione culturale della Regione Toscana e competere sul mercato nazionale ed internazionale.

    L’obiettivo di Toscana Film Network e delle sue realtà fondatrici vuole essere la creazione di una rete d’impresa sempre più ampia, aperta al coinvolgimento di tutta la filiera imprenditoriale dell’audiovisivo toscano (produzione, service, post-produzione, distribuzione), con il primario obiettivo di riportare la nostra regione al ruolo che le compete nel settore a cui abbiamo dato e continuiamo a dare grandi artisti, autori, registi e produttori.

    In solo un anno Toscana Film Network è passata da 9 soggetti imprenditoriali fondatori a oltre 40 per un numero di circa 80 professionisti coinvolti nel percorso di progettazione e crescita del network e tutti operanti all’interno delle società appartenenti a Toscana Film Network.

    INFORMAZIONI
    L'incontro si terrà Mercoledì 30 novembre, dalle 18:00 presso la sala MyMovies al Cinema La Compagnia, Via Cavour - Firenze Lingua: italiano

    Accesso libero

torna in alto