26 aprile 1945. Il quindicenne pisano Ferruccio Razzini combatte in difesa della Repubblica Sociale Italiana senza sapere che Mussolini è già morto e che l’Italia è stata appena liberata. Nel suo diario racconta la storia del padre, fervente fascista, e quella delle due sorelle, sposate una con un fascista e l’altra con un partigiano comunista. Dopo Hit the Road, nonna, Duccio Chiarini, con una raffinata cifra stilistica in grado di tenere la narrazione in equilibrio tra commedia e tragedia, indaga un altro versante della storia della propria famiglia a partire dalle pagine scritte dal prozio.

FILM

Titolo: L’Occhio Di Vetro
Titolo Internazionale:
86’, Italia, 2020
Regia: Duccio Chiarini
Sezione: Concorso italiano

PROIEZIONE

Data: 15/11/2020
Cinema: MYmovies
Orario: 15:00

TRAILER

Play Video

AUTORE

duccio chiarini

Duccio Chiarini ha scritto e diretto numerosi cortometraggi prima di presentare al Festival di Venezia 2011, nell’ambito delle Giornate degli Autori, il documentario Hit the Road, Nonna, selezionato e premiato poi in molti festival. Nel 2014 presenta sempre al Festival di Venezia, nella sezione Biennale College Cinema, il suo primo lungometraggio di finzione Short Skin — I dolori del giovane Edo, vincendo una menzione speciale. Il film è stato poi in selezione al Festival di Berlino 2015, nella sezione Generation, e a numerosi altri festival. L’ospite è il suo secondo film, sviluppato nei lab di scrittura Cinéfondation Résidence di Cannes, Alliance for development del Locarno Festival e TorinoFilmLab, dove ha vinto il Production Award.