R… Ne Répond Plus

Belgio, 1981, 52' 

Film di passaggio tra il cinema come possibilità di trasformare la testimonianza in memoria a mezzo per interrogarsi sul presente. Al centro resta la parola politica, il suo senso tra passato e presente: a inizio anni ‘80 i Dardenne ascoltano e si interessano al fenomeno delle radio libere. Scelgono così di realizzare un documentario che segua le diverse emittenti tra Italia, Francia, Svizzera e Belgio. Tra quelle italiane: Radio Popolare e Radio 105. L’idea è mettere a confronto diversi piani: chi le gestisce, il pubblico che vi partecipa e uno sguardo esterno che ponga in prospettiva quanto sta accadendo (alla maniera del cinema politico godardiano). Il risultato non è dei più rassicuranti: nella cacofonia di lingue e di voci, più che un’utopia gli autori rintracciano la problematicità di una parola che si distacchi totalmente dall’informazione ufficiale. E nel finale il rumore ha la meglio sull’ascolto della parola. “R” che non risponde più è la “realtà” che ormai ha perduto quel campo di confronto politico, etico, sociale in cui poteva manifestarsi.

The event is finished.

Ora locale

  • Fuso orario: Europe/Berlin
  • Data: 07 Nov 2022
  • Ora: 17:30

Sala

Cinema Stensen
Cinema Stensen - Viale Don Giovanni Minzoni, 25c, 50129 Firenze
Jean-Pierre e Luc Dardenne

Regista

Jean-Pierre e Luc Dardenne

Jean-Pierre e Luc Dardenne sono due registi, sceneggiatori e produttori belgi. Dopo gli studi di arte drammatica per Jean-Pierre e di filosofia per Luc, i due fratelli girano i loro primi lavori militanti, filmando le lotte sociali dei quartieri popolari belgi. Tra la fine degli anni ‘70 e inizio anni ‘80 fondano case di produzione cinematografiche e realizzano i primi film documentari, tra cui Lorsque le bateau de Léon M. descendit la Meuse pour la première fois (1979), Pour que la guerre s'achève, les murs devaient s'écrouter (1980), R... ne répond plus (1981), Leçons d'une université volante (1982) e Regard Jonathan/Jean Louvet, 231 (1983). Nel 1996 viene presentato alla Quinzaine des réalisateurs di Cannes il loro terzo film di finzione, La Promesse, ma solo nel 1999 ottengono il riconoscimento internazionale con la loro prima Palma d'Oro al Festival di Cannes grazie al film Rosetta. Nel 2005 arriva la seconda Palma d’Oro con L'Enfant - Una storia d'amore e nel 2008 Il silenzio di Lorna, dedicato al tema dell'immigrazione clandestina e del matrimonio bianco, porta loro il premio per miglior sceneggiatura al Festival di Cannes. Tra i loro più recenti lavori, Il ragazzo con la bicicletta vince il Grand Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes del 2011, e Tori et Lokita, Premio speciale al Festival di Cannes 2022.

Scroll to Top