Rosetta

Belgio, Francia, 1999, 95'

Rosetta cerca disperatamente un lavoro per mantenere la madre alcolizzata e pagare l’affitto del camper in cui vivono. La ragazza sembra trovare alleanza in un venditore di cialde che le offre un lavoretto e la sua amicizia, ma appena ne avrà l’opportunità non esiterà a tradirlo pur di ottenere uno stipendio migliore. Solo in quel momento riuscirà finalmente a guardarsi dentro e a interrogarsi sulla necessaria fiducia nell’altro. 

Vincitore a sorpresa della Palma d’oro e del premio per la miglior interpretazione a Cannes, il film segna una svolta capitale nella storia del cinema, affinando un’idea di messa in scena già in luce in La promesse e che spalanca la via per un nuovo “realismo” cinematografico. La camera a spalla bracca la protagonista, chiusa nella sua ricerca ossessiva di un impiego, facendo proprie tecniche di ripresa del cinema documentario e trascurando paesaggi e corpi che la circondano. L’inquadratura diventa realmente la manifestazione del suo sguardo, dei suoi legami complessi con gli altri, della sua urgenza di fuga. Una nuova Mouchette che saprà infine intravvedere una via d’uscita, nel precario momento in cui si guarda in faccia ciò da cui fuggiamo e che non vogliamo accogliere. Il cinema diventa uno spazio in cui diventare partecipi dei dilemmi etici dell’esistenza, vissuti nei nostri occhi.

The event is finished.

Ora locale

  • Fuso orario: America/New_York
  • Data: 10 Nov 2022
  • Ora: 15:00

Sala

Cinema Stensen
Cinema Stensen - Viale Don Giovanni Minzoni, 25c, 50129 Firenze
Jean-Pierre e Luc Dardenne

Regista

Jean-Pierre e Luc Dardenne

Jean-Pierre e Luc Dardenne sono due registi, sceneggiatori e produttori belgi. Dopo gli studi di arte drammatica per Jean-Pierre e di filosofia per Luc, i due fratelli girano i loro primi lavori militanti, filmando le lotte sociali dei quartieri popolari belgi. Tra la fine degli anni ‘70 e inizio anni ‘80 fondano case di produzione cinematografiche e realizzano i primi film documentari, tra cui Lorsque le bateau de Léon M. descendit la Meuse pour la première fois (1979), Pour que la guerre s'achève, les murs devaient s'écrouter (1980), R... ne répond plus (1981), Leçons d'une université volante (1982) e Regard Jonathan/Jean Louvet, 231 (1983). Nel 1996 viene presentato alla Quinzaine des réalisateurs di Cannes il loro terzo film di finzione, La Promesse, ma solo nel 1999 ottengono il riconoscimento internazionale con la loro prima Palma d'Oro al Festival di Cannes grazie al film Rosetta. Nel 2005 arriva la seconda Palma d’Oro con L'Enfant - Una storia d'amore e nel 2008 Il silenzio di Lorna, dedicato al tema dell'immigrazione clandestina e del matrimonio bianco, porta loro il premio per miglior sceneggiatura al Festival di Cannes. Tra i loro più recenti lavori, Il ragazzo con la bicicletta vince il Grand Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes del 2011, e Tori et Lokita, Premio speciale al Festival di Cannes 2022.

Scroll to Top